indice articolo Indice

Lavorare da mobile: le migliori app e funzioni di Google Pixel 2

23 Gennaio 2018

Google & Friends
BFENTERPRISE
Lavorare da remoto con lo smartphone

Basta uno smartphone efficiente con le applicazioni giuste per esplorare le infinite possibilità del mobile working, il preferito dal 78% dei Millennials.
Se la tua azienda adotta la politica del Bring your own device (BYOD, Porta il tuo dispositivo al lavoro), il tuo smartphone dovrà fare call, accedere a Drive, archiviare documenti e piani di lavoro.
Intuitivo, funzionale e versatile, Android è un sistema operativo che si presta al lavoro da mobile. Con la versione 8.0, ribattezzata Oreo dal nome dei noti biscotti (yum!), Google ha fatto un salto di qualità per l’efficienza e la produttività. Vediamo come sfruttare le nuove funzioni e le migliori app di Google Pixel 2 per organizzare al meglio il lavoro di tutti i giorni.

L’agenda è passata alla preistoria, rassegniamoci. Google l’ha sostituita con il widget At a glance, un calendario mobile sincronizzato con Google Calendar integrato nel nuovo launcher. Basta un’occhiata per controllare a che ora è il prossimo appuntamento e quanto durerà la riunione.
Anche googlare è diventato più veloce. Merito della barra di ricerca, spostata dall’alto in basso. La trovi vicino al dock e alla barra di navigazione, in una nuova veste dai bordi arrotondati.

Il tempo è una risorsa limitata e preziosa per chi lavora. Pixel 2 ne fa buon uso, infatti il tempo di avvio del dispositivo è due volte più veloce rispetto alla serie precedente. Inoltre, grazie ad una procedura guidata intuitiva e rapida (bastano 10 minuti) puoi importare documenti, foto e contatti dal tuo vecchio smartphone. Sì, anche dall’iPhone.
Si risparmia tempo anche grazie alla preinstallazione delle app più usate (Messenger, Twitter, Facebook, WhatsApp, Gmail…).
La tempestività a volte è tutto nel lavoro. Puoi tenere tutto sotto controllo grazie ai nuovi badge di notifica visualizzati sulle icone delle app, direttamente nella Home.
Ricevi troppe notifiche da una singola applicazione? Con Oreo puoi zittirle in pochi tap, senza dover attivare la modalità Non disturbare. In questo modo non perderai le notifiche di tutte le altre app.

L’assistente? Virtuale e resistente alle pressioni

Pollice su per l’usabilità del nuovo Google Pixel, migliorata grazie alla funzione Active Edge, che attiva l’assistente virtuale in italiano facendo pressione sui lati dello smartphone.
Se preferisci il metodo classico attivalo tenendo premuto il tasto Home. Sfrutta questo aiutante virtuale per dettare i tuoi messaggi, fare una telefonata, ottenere indicazioni stradali o, perché no, scattarti un selfie tra una riunione e l’altra.

Un’app di realtà aumentata per ricerche e appunti

L’app di realtà aumentata di Google

Se hai bisogno di fare ricerche per lavoro ti tornerà utile anche Lens. L’app di realtà aumentata di Google con un clic riconosce indirizzi, luoghi, oggetti, opere d’arte, fornendoti i link a foto simili e ricerche correlate. Non solo: riconosce ciò che inquadra la telecamera, traducendo per te.
Hai tra le mani un biglietto da visita importante ma sei sprovvisto di carta e penna? Non hai più bisogno di copiare il numero sulla rubrica. L’AI di Google legge e memorizza numeri e indirizzi scritti su fogli e vetrine.
Se devi copiare un indirizzo email o un nome e cognome puoi sfruttare anche la nuova funzione di selezione smart del testo. Basta un tap in un punto qualsiasi del nome per evidenziarlo per intero, senza più bisogno di puntare e trascinare il cursore.

Pixel 2 e la selezione smart del testo

E a proposito di riconoscimento intelligente: Google ha pensato anche alle canzoni. Pixel 2 integra un sistema modello Shazam. Il titolo della canzone che stai ascoltando o che il tuo collega propina dieci volte al giorno a tutto l’ufficio viene visualizzato sullo schermo.

Call e videocall con Google Duo

L’app integrata Google Duo ti permette di fare videochiamate dallo smartphone, senza sacrificare la qualità audio e video.
La funzione picture-in-picture strizza l’occhio agli amanti del multitasking. Puoi guardare un video o fare una videochiamata mentre stai facendo altro sul telefono. La finestra del video ti apparirà in miniatura sullo sfondo dell’attività principale.
Devi mandare uno screenshot a un tuo collega? Tieni premuti contemporaneamente il tasto Power e il pulsante per abbassare il volume.

Quante volte hai avuto bisogno di mandare uno screenshot al tuo collega?

Spazio illimitato per foto e video in cloud

Se usi lo smartphone per il tuo business potrai contare su uno spazio d’archiviazione di 64 GB. Sfrutta la memoria interna del modello XL per i tuoi documenti importanti, mentre per foto e video potrai infatti usare lo spazio in cloud su Photos, illimitato e gratuito.  

Privacy al sicuro con Google Play Protect

La sicurezza e la privacy sono fondamentali quando devi collegarti a reti aziendali e condividere documenti riservati con i tuoi colleghi. A garantirti riservatezza in Google Pixel 2 è la nuova funzione Google Play Protect, che passa al setaccio tutte le app installate sul dispositivo per scoprire eventuali vulnerabilità.

Dati di login importati da Chrome

Dimentichi spesso le password e non riesci ad accedere alle millemila applicazioni e portali che usi ogni giorno? Google salva le tue password da Chrome, riempiendo automaticamente i campi con i dati di login.
Per accedere alle app, sbloccare la schermata ed effettuare pagamenti in pochi secondi puoi contare sul nuovo sensore per l’impronta digitale, più ampio e posto in posizione centrale.

Tre app must have per lavorare da mobile

Le tre applicazioni che non devono mancare sulla tua Home per migliorare la produttività?

  • Il registratore di chiamate ACR che ti permette di riascoltare tutte le chiamate in entrata e in uscita, per non perderti più le parole del tuo capo o di un cliente quando eri distratto!
  • Google Drive, per accedere ovunque a tutti i tuoi documenti. Quella relazione che hai iniziato a casa sul pc non resterà a prendere polvere sul tavolo della cucina!
  • Slack, per migliorare il lavoro in team e gestire da mobile anche i progetti più complessi.

Ricarica rapida nella pausa caffè

Tirando le somme, Google Pixel 2 è uno smartphone valido per lavorare da mobile. Difficilmente la batteria dura meno di un giorno. In uso e con una luminosità settata al 75% la batteria dura oltre 6 ore.
Una pecca che segnaliamo invece è il mancato supporto della ricarica wireless a causa del corpo in alluminio. Ma Google ha preferito investire sull’autonomia, lavorando sulla riduzione dei tempi di ricarica. In 15 minuti, il tempo di una pausa caffè, Pixel recupera un’autonomia di 7 ore. Non male: per essere produttivo te ne bastano sei. Buon lavoro!

ARTICOLI

SUCCESSIVI

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto e accetto i termini della informativa sulla privacy e acconsento il trattamento dei dati


CI PUOI SEGUIRE SU