indice articolo Indice
Come scrivere un post efficace e cavarsela (bene) con i social

Come scrivere un post efficace e cavarsela (bene) con i social

Pubblicato il: 22 Novembre 2019

Aggiornato il: 30 Giugno 2020

Guide di digital marketing
BFENTERPRISE

Ad ogni social le sue linee guida. Ma l’efficacia è l’obiettivo comune

L’universo dei contenuti per social network

Sì, quello dei contenuti per social network è un universo

Uno spazio siderale in cui fluttuano galassie, costellazioni e sistemi solari distanti tra loro.

Attorno alle piattaforme social orbitano i contenuti: siano essi post, tweet, stories, pin o articoli, la loro orbita si vede meglio se parlano lo stesso linguaggio di chi li guarda. Alcuni finiscono così lontano che sembra siano stati scritti senza tenere conto del contesto.

I contenuti più vicini sono invece quelli più adatti a ricevere visitatori e interazioni.

La metafora può sembrare forse un po’ ardita, ma non si discosta molto dalla realtà.

Semplificando (di molto) questa premessa, un social media è costituito da due elementi fondamentali: la piattaforma tecnologica e la sua audience.

Scrivere post efficaci sui social

Dovete sapere che le regole con cui si scrivono e pubblicano i contenuti vengono dettate prima di tutto dall’algoritmo e dall’architettura informatica della piattaforma stessa. 

Ogni social poi tende ad attrarre pubblici diversi e in genere piuttosto specializzati. L’audience di un social è formata da vere e proprie nicchie, ognuna delle quali ha il proprio linguaggio, gergo tecnico, persino il proprio modo di creare e condividere meme.

Come scrivere un post efficace per Facebook, Instagram, LinkedIn

L’età dell’innocenza è passata da un po’.

I social (Facebook, Instagram, LinkedIn e via dicendo) non sono più un mero strumento per passare il tempo – sempre che lo siano mai stati. 

Al di là della famigerata (e innegabile) superficie di gattini e selfie, le aziende devono avere un unico grande obiettivo: la creazione di contenuti social che trasmettano il loro messaggio.

Perché questo avvenga, dobbiamo scrivere e condividere dei post efficaci.

Ma attenzione, l’efficacia non si ottiene sempre allo stesso modo su tutti i canali.

Il successo di un post – o di un tweet o di un pin – dipende letteralmente da mille fattori.

Dall’orario di pubblicazione alle emoji che usate, dalla posizione del concetto chiave al numero di hashtag che inserite: ogni elemento va calcolato, soppesato, valutato.

Piccola nota prima di continuare: il piano editoriale è il primo passo per avere una presenza social efficace (e utile al brand). Se non sapete da dove cominciare, leggete il nostro articolo sulla realizzazione di un piano editoriale.

Un modo empirico per misurare l’efficacia di un post

Il post perfetto non esiste.

Così come non esiste una ricetta per costruire un post sicuramente efficace.

Ci si può avvicinare, però.

Esistono due modi per misurare l’efficacia di un post o di un contenuto social.

Uno è strettamente analitico, e si fa a post pubblicato. 

Scegliete delle metriche di misurazione (KPI) in base all’obiettivo della vostra presenza sulla piattaforma social (visibilità aziendale, visite al sito web, notorietà, opportunità createsi ecc) , e analizzatele. Il loro andamento, post dopo post, vi darà indicazioni più o meno chiare su quello che funziona e su quello che invece richiede una messa a punto.

Se invece state ancora preparando i vostri contenuti, è il momento giusto perché vi poniate delle domande.

 

1) Condividereste il post che state scrivendo con le persone della vostra cerchia?

Se un post è efficace è condivisibile. Questa è una delle regole non scritte dei social, nonché l’ambizione di chiunque pubblichi contenuti online. 

Tutti infatti aspiriamo alla viralità dei nostri messaggi.

Un post è massimamente efficace quando chi se lo vede scorrere in bacheca non solo “ferma il pollice”, ma ha l’impulso a condividerlo. Perché questo accada, il post deve 

  • parlare direttamente al pubblico
  • parlare di cose interessanti
  • usare lo stesso linguaggio di chi legge. 

Il punto chiave – ma anche quello più difficile da soddisfare – è il terzo.

Anche qui, i parametri da considerare sono molti. Ma un buon punto di partenza è quello di non fingere.

Potete leggere un’infinità di articoli online sul tono perfetto da assumere quando scrivete i vostri post: tutti diranno cose giuste e sensate. Ma quello che davvero dovete considerare è che il vostro contenuto dovrà risultare quanto più naturale possibile

Se c’è empatia, questa deve essere reale.

Se ci sono riferimenti ai valori della nicchia di pubblico, questi devono essere condivisi.

Se si toccano i pain point della reader persona, questo non dovrà suonare come uno specchietto per le allodole.

Insomma, quello che vi chiediamo è di fare l’ennesimo esercizio di immedesimazione. Non sarà né il primo né l’ultimo.

2) Cosa vi aspettate dalla vostra reader persona?

Ovviamente immaginiamo che abbiate abbiate già definito le vostre reader personas.

Se sì, allora saprete già come scrivere per loro.

Diventa a questo punto fondamentale stabilire l’obiettivo del post: che emozione/reazione/azione volete provocare?

Volete mostrare empatia? Volete divertire e promuovere la condivisione del post? Volete aumentare l’engagement della pagina con un post polemico?

Nulla (o quasi) vi è vietato: l’importante è che l’abbiate pianificato.

Altrimenti, rischiate di dover fronteggiare una crisi. 

(qui ci sarà link all’articolo sulla gestione delle crisi)

3) Il nostro post è tecnicamente impeccabile?

Alla base della vostra attività social dovrà sempre e comunque esserci un rispetto consapevole della piattaforma che avete scelto.

Ci sono i post, i twit e i pin

Come abbiamo visto, alla base di ogni social network c’è un algoritmo che nello stesso tempo vi dice come e cosa pubblicare, e quanto successo potrà avere il vostro contenuto.

Rispondere anche alle aspettative dell’algoritmo è di vitale importanza.

Vediamo come farlo sui due più diffusi social network: Facebook e Instagram.

Un post efficace su Facebook è possibile: ma come farlo?

Non possiamo dire che non c’è “niente di più sbagliato”, perché è innegabile che una parte dell’utenza attiva di Facebook si sia già trasferita verso altri lidi, e che la popolazione del social di Zuckerberg stia invecchiando. 

E la reach – perlomeno quella organica – dei post su Facebook è sprofondata ai minimi storici, chissà perché.

Eppure il social di Menlo Park resta un formidabile strumento pubblicitario, le cui possibilità di targetizzazione del pubblico restano ancora insuperate.

Nonostante ci sia la tendenza a pubblicare su Facebook come fosse un obbligo – una specie di minimo sindacale della presenza aziendale nel web – vale ancora la pena di creare contenuti di valore (per chi legge, naturalmente).

Uniti a un Facebook pixel ben configurato, i vantaggi sono enormi.

Detto questo, il principale indicatore che Facebook vi dà per valutare l’efficacia di un post è proprio l’engagement, cioè la quantità interazioni (like, clic sul post, secondi di video visti, commenti…) che questo riceve.

Per costruire un post perfetto su Facebook potete seguire queste semplici indicazioni

Come gestire la crisi sui social

A questo punto apriamo una parentesi. Il modo migliore per evitare la dispersione dei contenuti nel marasma digitale delle bacheche Facebook, è la conoscenza del pubblico. Avendo infatti ben chiaro quali contenuti vengono cercati, quali generano engagement, e in generale il comportamento online delle persone che vogliamo raggiungere, sarà possibile a tutti gli effetti modellare i contenuti sulle loro esigenze e interessi, per far sì che arrivino a destinazione.

Post su Instagram: vi hanno detto che solo le foto sono efficaci. Non è vero

Instagram rappresenta il social “visuale” per eccellenza. Tanto che esistono chiare indicazioni sulla coerenza da tenere nel feed, sull’uso dei filtri giusti, su composizione e scelta delle tematiche da catturare.

E per le caption, cioè i testi che accompagnano la parte visual?

In genere, le indicazioni più superficiali vi diranno di concentrarvi al 100% sulla foto, scrivere una caption il più sintetica possibile (al grido di “le persone non leggono”) e sovraccaricare il post di hashtag.

Non funziona così. O meglio: lo fa solo in parte.

Una volta che avete modificato alla perfezione la vostra foto migliore, sarà la caption a darle davvero voce, raccontando il vostro brand. Questo circolo virtuoso coinvolge tutti gli elementi del post.

I passaggi cruciali?

Come gestire la crisi sui social

Postilla: le emoji sono ormai un elemento integrante del linguaggio di Instagram e, che piacciano o meno, andrebbero usate. Con moderazione, senza svilire il messaggio, e comunque con il giusto significato all’interno della frase nella quale si inseriscono.

Come si arriva a scrivere un post perfetto

Come anticipavamo poco sopra, non esiste la formula magica per creare il post perfetto, ma esistono domande da porsi mentre si progetta un post, e buone norme da seguire per realizzarlo al meglio.

Abbiamo preparato questa checklist gratuita per semplificarti la creazione di post efficaci su Facebook e Instagram.

DEFINIZIONI

Pin: significa puntina ed è il post di Pinterest, il social che funziona come un “catalogo delle idee” (questa la definizione del CEO di Pinterest, Inc.)

Meme: uno dei concetti del web più complessi da spiegare. In parole semplici, si tratta della rappresentazione visuale di un’idea – spesso goliardica – che si propaga attraverso il web.

Pain point: nel copywriting – soprattutto nella sua declinazione persuasiva – e nel marketing, i pain point sono gli specifici problemi che i potenziali clienti della vostra attività possono incontrare.

Reader persona: è la rappresentazione del lettore ideale a cui ci si rivolge. Il “lettore di riferimento” non solo ci aiuta a decidere lo stile della scrittura con la quale realizzare i nostri post, ma guida anche la scelta dei contenuti da proporre.



Abbiamo preparato una checklist per scrivere post efficaci su Facebook e altri social

Lasciate la mail per scaricarla gratuitamente, vi renderà tutto più semplice.






    Parole Che Scelgono

    È arrivato il primo E-Book firmato BFENTERPRISE

    Parole Che Scelgono

    Pensato per chi ha capito che per essere un vero leader deve trovare il suo stile personale, quel pizzico di magia che fa innamorare tutti. Leggendolo troverai esercizi, spunti e nozioni utili, ma soprattutto tanto tanto amore per il tuo lavoro.

    SCOPRI L'E-BOOK


    ARTICOLI

    CORRELATI

    Iscriviti alla nostra newsletter!

    Sarà il nostro appuntamento fisso: un modo per dimostrarvi tutta la cura e attenzione che vi dedichiamo ogni giorno.



      IL NOSTRO MONDO CONTINUA SU