La forza della genuinità – Intervista a Daniela Valente

Pubblicato il: 12 Maggio 2022

Interviste
La forza della genuinità – Intervista a Daniela Valente

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Daniela grazie ad un percorso di formazione in cui abbiamo camminato fianco a fianco. Siamo rimasti colpiti dalla sua personalità genuina e dalla sua creatività pronta a sbocciare: grazie a questa intervista, siamo felici di condividere con voi un pezzettino della sua storia ancora in divenire. Ci auguriamo che possa essere di ispirazione per tutti coloro che stanno lottando per realizzare le proprie ambizioni professionali.

 

Cosa ha fatto scattare in te la molla di aprire un progetto tutto tuo?

In un momento di crisi lavorativa ho cercato di creare un angolo felice in cui il lavoro rappresentasse soddisfazione e appagamento personale. Ho sempre amato il mondo della pianificazione e dell’organizzazione che, uniti ad una buona dose di creatività e intraprendenza, mi hanno portata a scegliere il mondo degli eventi.

 

Che passi hai scelto di compiere per lanciare il tuo progetto? Da cosa hai voluto iniziare?

Dalla partita IVA! Errore fatalissimo, perché avere una partita IVA non significa acquisire in automatico le competenze per iniziare il proprio business. È come se avessi fatto il percorso al contrario: ho dato peso all’aspetto fiscale prima che a quello formativo e informativo. Quando poi ho capito che “stavo costruendo la casa dal tetto” mi sono fermata e ho cercato professionisti che mi aiutassero a gettare le basi per lavorare nel mondo dei matrimoni che, nel frattempo, avevo scelto come business principale.

Instagram Daniela Valente

 

C’è qualcosa che ti ha scoraggiata/ostacolata? Se sì, come hai superato il “momentaccio”?

Pensavo fosse facile e che nel giro di pochi mesi sarei stata una Wedding Planner con una fiorente attività. Avevo solo bisogno di visibilità, credevo.
Il mio primo approccio ai social, Instagram nello specifico, è stato quello di acquistare follower, consigliata da un sedicente guru del settore. Soldi e mesi di lavoro per scoprire che in mano avevo solo fuffa. Quando ho capito che non stavo andando da nessuna parte, ho cestinato un profilo da quasi 10k e ho iniziato un percorso di personal branding in cui ho appreso le prime nozioni per rispondere alle domande “chi sei e cosa vuoi fare da grande?”.
Poi è arrivata la pandemia, in piena start up, e ho perso anche quel poco che avevo costruito. Diciamo insomma che mi sento come se avessi vissuto un momentaccio fino a poco fa…

 

Cosa ti ha fatto restare solida e determinata?

Non mi sono sentita né solida né determinata, perché stavo puntando su qualcosa che non ho mai sentito veramente mio. Ho cambiato idea mille volte e adattato il mio business di conseguenza senza mai costruire e progredire veramente. Non ho creduto abbastanza nelle mie idee fino a quando mi sono detta che “mio il business, mie le sensazioni” e ho cambiato direzione per l’ennesima volta lavorando su qualcosa che mi rispecchiasse per davvero.
Insomma, nonostante i momentacci non ero pronta a gettare la spugna.

 

E cosa ti fa svegliare ogni mattina, felice di portare avanti il tuo progetto?

Onestamente? La tranquillità che avendo un lavoro full time come dipendente, abbia lo stipendio assicurato. Il mondo dei matrimoni rappresenta il mio secondo lavoro e solo da poco, dopo batoste e delusioni, ho riscoperto l’entusiasmo di portare avanti il mio progetto. Proviamo a sentirci tra qualche mese e forse mi sarà più facile rispondere a questa domanda 😉

 

Il web è un mondo di lupi affamati di visibilità e attenzione. Che armi metti in valigia per affrontare a testa alta questo mondo?

L’esperienza. Una volta che ci si scotta, si impara a soffiare anche sull’insalata (semi cit.). Sono stata scottata sia da venditori di follower sia da collaboratori che mi hanno letteralmente rubato idee che hanno sviluppato senza di me.
Ho imparato ad osservare e valutare, ma sono un’inguaribile romantica che crede nelle persone. Le mie armi preferite sono la trasparenza e la gentilezza. Quest’ultima, soprattutto, ho scoperto avere un effetto spiazzante.

 

Cosa fai per guadagnare la fiducia delle persone (online) che non ti conoscono?

Metto a disposizione gratuitamente la mia esperienza e cerco di parlare di situazioni che ho vissuto e in cui altre persone possano riconoscersi. Non credo sia però sufficiente. Credo ci voglia presenza, perseveranza, costanza. Insomma, chi mi segue dovrebbe percepire che “Daniela ti è accanto”, ma sono lontana da questo risultato.

 

Quanto conta la comunicazione online in quello che fai? Puoi essere sincera!

Credo che la comunicazione sia fondamentale. Ho scoperto che oltre al messaggio, ci sono tantissime altre variabili in grado di distorcere, enfatizzare, penalizzare, esaltare un contenuto. La comunicazione vincente è quella empatica in cui grazie all’ascolto si forniscono soluzioni ai problemi degli altri (che magari non sanno nemmeno di avere un problema).

 

Prima di addentrarti nel mondo dei social…com’era il tuo rapporto con queste piattaforme? E com’è adesso?

Prima era frivolo e indolente. Ora con i social ho un rapporto più consapevole, ma restano per me degli strumenti di lavoro e basta. Non amo condividere sui social e devo “impormi” una presenza più o meno costante.

 

Come vedi il futuro del tuo mestiere? Come evolverà secondo te, anche grazie alla comunicazione online?

Penso ci sia un buon margine di espansione. Quello che ho in mente è ancora poco commercializzato e quindi devo darmi da fare. Se solo le giornate fossero di 48 ore…

 

Se dovessi descriverti con un film, che film saresti?

Sliding doors e un po’ Bridget Jones. Credo nei bivi della vita che portano a cambiamenti radicali, ma mi sento anche autoironica e un po’ goffa.

Qual è la colonna sonora/canzone che descrive la tua attuale fase imprenditoriale?

Don’t stop believin – Jouney

 

Mille grazie Daniela 🙂





TAG:

Lavorare nel digitale Social media management
BFENTERPRISE

POTRESTI INOLTRE LEGGERE:

nuova paginaDalla cipolla all’uso della punteggiatura


Parole Che Scelgono

È arrivato il primo E-Book firmato BFENTERPRISE

Parole Che Scelgono

Pensato per chi ha capito che per essere un vero leader deve trovare il suo stile personale, quel pizzico di magia che fa innamorare tutti. Leggendolo troverai esercizi, spunti e nozioni utili, ma soprattutto tanto tanto amore per il tuo lavoro.

SCOPRI L'E-BOOK


ARTICOLI

CORRELATI

Iscriviti alla nostra newsletter!

Sarà il nostro appuntamento fisso: un modo per dimostrarvi tutta la cura e attenzione che vi dedichiamo ogni giorno.

    IL NOSTRO MONDO CONTINUA SU

    Linkedin BFENTERPRISE Instagram BFENTERPRISE