indice articolo Indice

Arte e Marketing, altro che Romeo e Giulietta

27 Giugno 2018

Google & Friends

POTRESTI INOLTRE LEGGERE:

Shine bright like Luxottica
BFENTERPRISE

Il mondo scintillante della moda

Siamo sempre stati meravigliati dal gigantesco mondo della moda.
E chi non lo è, direte voi!
No, non stiamo parlando solo di passerelle. È da un po’ di tempo che questo piacere si unisce al nostro dovere di comunicatori e ci chiediamo: cosa può nascere dall’unione tra marketing e cultura?

La coppia che non scoppia. MAI.

Questa volta non sono stati il lusso e la creatività a farci brillare gli occhi, ma l’abilità comunicativa di due marchi come Gucci e Prada. Mettendo su un piedistallo l’arte e la cultura.

L’arte da sempre è il mezzo di comunicazione per eccellenza. E siccome squadra vincente non si cambia, perché cominciare adesso?
Con l’arte da secoli si raccontano storie e si trasmettono messaggi, ma proprio a tutti, non solo a pochi eletti!

Nessuna casualità, solo strategia

Due marchi come Gucci e Prada hanno abbracciato proprio questo canale comunicativo conosciuto da secoli.
Copiare avrebbe significato scadere nella banalità. Invece la lungimiranza del marketing li ha salvati da questa triste fine, accostando all’arte il potere e la velocità del mondo digitale.

www.prada.com

Dice il saggio:
“Anche i mezzi più potenti del passato devono fare i conti con il presente”
Non serve certo un genio per capire quanto oggi l’attenzione sia sfuggente e la dinamicità sia una regola.
Ma due colossi come Gucci e Prada mica potevano fermarsi qui! Da questa sfida è nata una strategia di marketing davvero extra-ordinaria.

A nudo Gucci e Prada!

Il passo tra lusso e arte è breve.
A giocare questo duello sono stati principalmente due attori: il mito dell’irraggiungibile e il sogno dell’universalità.
Anche i due brand della moda italiana – come tutti, rassicuriamoci – si sono dovuti scontrare con il fatto che la comunicazione oggi si gioca con la massa. Tutti possono inviare e ricevere input da tantissimi canali e dispositivi, tutti sono costantemente connessi e tutti sono alla continua ricerca della novità e dell’esclusività.
La soluzione? Talmente ovvia quanto difficile da imporre nel settore: hanno scardinato la vecchia concezione di lusso come soglia accessibile a pochi eletti, preferendole una versione più popolare e inclusiva.
Il lusso, sul web, è per tutti: questa la nuova strategia di Gucci.
Da quando alla guida c’è Alessandro Michele, Gucci ha cambiato la sua estetica di brand. Look, immagine, collezioni e prodotti sono andati verso una graduale diversificazione.
Il pubblico chiede maggiore vicinanza e l’annullamento del distacco che gli strumenti digitali stanno frantumando in tutti i settori?
Gucci risponde a suon di e-commerce, sito web e social network.

Ben arrivata sartoria digitale, era ora!

Il primo mezzo ad essere chiamato in causa è stato decisamente l’e-commerce. Da quando è stato introdotto, il marchio di moda ha registrato un +86% di vendite (fonte: Bennewitz S. (2017) “La Gucci dei record sta per superare anche Hermés”, Repubblica ).
Giusto per non far sentire troppo solo questo nuovo vincitore, ecco che il marchio gli ha subito accostato un compagno ideale: un sito web totalmente rivisitato in chiave user e mobile friendly.
Ora che questo medium è più vicino alle persone, il traffico è più che raddoppiato (+150%)!
Non vorremo mica lasciare fuori i social network, non è vero?
Sia mai! Ecco una bella novità anche su questi canali, soprattutto nell’utilizzo inedito di Instagram.

Il futuro della moda su Instagram: sovvertire le regole

A volte il nostro compito è anche questo. E Gucci non si è certo lasciato sfuggire l’occasione!
Instagram è diventato una risorsa per scovare i giovani artisti più interessanti del panorama mondiale.
A che pro? Per coinvolgerli nell’immagine delle nuove collezioni, attraverso una comunicazione attiva.
E fu così che dalla moda si passò all’arte.
E dall’arte alla comunicazione.

https://twitter.com/gucci

Artiste come la spagnola Coco Capitàn, l’illustratrice inglese Angelica Hicks e la statunitense Jayde Fish sono state protagoniste di un progetto di marketing magistralmente orchestrato. Lanciate nel magico mondo di stoffe e decorazioni delle nuove collezioni hanno potuto dare davvero il meglio di sé!
Ma la magia non si ferma certo qua, grazie al genio del direttore Alessandro Michele.
Con il progetto ArtWall, la Maison italiana ha portato le opere di queste artiste sui muri delle metropoli di tutto il mondo.
La moda firmata Gucci è diventata parte integrante della vita delle persone, online e offline.

https://d.repubblica.it/moda/2015/06/22/news/sfilate_milano_moda_uomo_pe2016_gucci-2663609/

Guerrilla Marketing? Noi la chiamiamo geniale iniziativa di comunicazione integrata.
Distribuendo le opere dalle passerelle alle grandi città, Gucci ha parlato a tutti del suo forte legame con l’arte. E soprattutto ha dato un forte valore culturale alle sue collezioni, che oggi lo custodiscono gelosamente.

Non chiamiamoli più semplicemente “Social Network”

I social, che hanno caratterizzato gli ultimi decenni, sono passati dall’essere un mezzo per la cultura di massa, al diventare il mezzo che può far emergere nuovi concetti e nuove applicazioni dell’arte.
Un altro esempio?
Chi non è rimasto affascinato dalla franchezza esplosiva dei MEME?
Sarcastici, irriverenti, ma con un tocco di immancabile eleganza.
Anche in questo caso gli artisti alla corte di Gucci si sono sbizzarriti aiutando il marchio a dare in pasto ai migliori esponenti di Twitter e Instagram immagini di un certo stile che potessero però essere trasformate in MEME virali.
Ed ecco a voi come la campagna social della nuova collezione Le Marché des Merveilles si è trasformata in veicoli di viralità!

https://www.gucci.com/it/it/st/capsule/le-marche-des-merveilles-jewelry-collection

Cosa ha guadagnato Gucci da queste rocambolesche manovre?
Una nuova popolarità presso un pubblico ora molto più ampio. E non solo sul web.
Una rapida trasformazione con un aumento dei profitti del 30% in 2 anni e con il riconoscimento come primo brand di lusso nel 2017.

L’arte con occhi nuovi: la strategia di Prada

Anche Prada si è saputa confrontare con il mondo artistico, forse in modo anche più provocante e sbarazzino.
Nella collezione Primavera-Estate 2018 del brand sono comparsi dei protagonisti inaspettati: i fumetti.
È sorprendente come un altro mezzo di comunicazione così immediato e popolare sia stato preso a modello per la creazione di un’intera collezione di moda! Sorprendente non tanto perché innovativo – sempre di arte stiamo parlando – ma perché avvicina ancora di più i confini della moda e quelli del pubblico e della massa.

http://www.dazeddigital.com/fashion/article/37498/1/female-comic-book-artist-prada-ss18-mfw-brigid-elva-joelle-jones-trina-robbins

La comunicazione digitale è regina anche nella moda

Potremmo scavare ancora molto nelle strategie di questi due brand, ma una cosa è chiara: il digitale è una chiave di volta nella creazione di legame tra brand e le loro “community”.
Non confondiamoci, i grandi brand del lusso rimangano ancora vicini ad azioni di marketing tradizionale come le sponsorizzazioni di personaggi famosi o iniziative più d’avanguardia come la partecipazione al restauro di antichi arazzi (citiamo quello di Gucci a Palazzo Vecchio, Firenze) o l’organizzazione di mostre d’arte cinematografiche e fotografiche negli spazi privati dei grandi marchi.
Ma la rivoluzione sta arrivando: “la creatività spesso nasce e trova la sua voce nei mezzi digitali, fonte vitale della nuova cultura visiva” (Alessandro Michele).

ARTICOLI

CORRELATI

Iscriviti alla nostra newsletter!

Sarà il nostro appuntamento fisso: un modo per dimostrarvi tutta la cura e attenzione che vi dedichiamo ogni giorno.

Ho letto e accetto i termini della informativa sulla privacy e acconsento il trattamento dei dati


IL NOSTRO MONDO CONTINUA SU