indice articolo Indice

La visibilità online di un’azienda: cos’è e come aumentarla

7 Agosto 2019

Google & Friends

A chi è rivolto questo articolo

A chi è rivolto questo articolo

Questo articolo è rivolto a tutti coloro che si muovono verso un approccio professionale nella gestione della promozione online della propria azienda. 

Cosa leggere prima e dopo questo articolo

Prima: Nozioni di base di comunicazione online
Dopo: Lo studio del target e l’analisi della concorrenza

BFENTERPRISE BFENTERPRISE
A chi è rivolto questo articolo

Questo articolo è rivolto a tutti coloro che si muovono verso un approccio professionale nella gestione della promozione online della propria azienda. 

Cosa leggere prima e dopo questo articolo

Prima: Nozioni di base di comunicazione online
Dopo: Lo studio del target e l’analisi della concorrenza

Cosa significa visibilità? Per rispondere in modo preciso a questa domanda, abbiamo interrogato il dizionario, che ci ha restituito ben tre definizioni:

Visibilità
[vi-ʃi-bi-li-tà] n.f. invar.

1. l’essere visibile: la visibilità di una stella, di un’insegna;

2. possibilità di vedere, di essere visto: la folta vegetazione pregiudicava la visibilità della curva | il grado di trasparenza dell’atmosfera in rapporto alla vista umana: buona, scarsa visibilità; la bufera aveva ridotto a zero la visibilità;

3. capacità di un soggetto di imporre la sua presenza attraverso i mezzi di comunicazione di massa.

https://www.garzantilinguistica.it

I mezzi di comunicazione di massa, offline

La terza definizione è quella che interessa a noi. Ci permettiamo di apportare una piccola modifica, funzionale a quello che vogliamo dirvi in questo articolo:

Visibilità aziendale

La capacità di un’azienda di imporre la sua presenza attraverso i mezzi di comunicazione di massa, che si dividono tra online e offline.

La differenza tra visibilità online e offline non sta tanto nello scopo, ma nei supporti e nelle modalità attraverso cui un’azienda decide di veicolare la sua immagine e il suo messaggio.  

Se un’azienda sceglie di investire in visibilità offline, probabilmente sta chiedendo alla sua agenzia di comunicazione di programmare:

Questa pubblicità, conosciuta come tradizionale, è strettamente legata al contesto in cui si inserisce

Basti pensare al classico cartellone nelle fermate di autobus e tram, nelle metropolitane o nelle stazioni ferroviarie. Si tratta di pubblicità che sfruttano luoghi in cui transitano centinaia di persone.

Le affissioni pubblicitarie

Lo stesso vale per radio e televisione: una intrattiene i tragitti casa-lavoro, l’altra è fedele compagna di serate e momenti di relax. Essere presenti su questi canali porta ad entrare per forza in contatto con tante persone, perché ci si insinua (passateci il termine, è proprio così) nel loro quotidiano. 

Internet è arrivato molto dopo

Eppure in poco tempo è riuscito a diventare un centro gravitazionale per milioni di persone. Attivare una campagna promozionale online – poi vedremo anche su quali canali – significa che possiamo raggiungere una nicchia di persone ben precisa senza dover sottostare a delle limitazioni geografiche. Nemmeno il tempo è vincolante.

Un sito web può essere visto a tutte le ore del giorno e della notte, a differenza di un negozio.

L’acquisto di un prodotto o servizio tramite e-commerce può svolgersi nei momenti e luoghi più improbabili.

La velocità e schizofrenia1 con cui le persone si muovono online, rendono la navigazione molto difficile da prevedere e controllare. Questo è il motivo per cui chi si occupa di aumento della visibilità online deve scovare tutte le ricorrenze regolari nei comportamenti degli utenti, attraverso una ricca analisi di mercato. 

Partiamo da un presupposto fondamentale: al giorno d’oggi le aziende devono avere un sito web. 

Non è detto che un utente entri per la prima volta in contatto con noi tramite il sito, ma di sicuro vorrà visitarlo per approfondire ciò che ha trovato sui social, o su Google.

Inoltre, il sito web è una sorta di centro nevralgico da cui si sviluppano tutti gli altri canali online, ovvero:

Di norma si tende a classificare Social, DEM e Google Ads come canali che danno risultati a breve termine, mentre la SEO e il blog aziendale vengono associati ad attività per il lungo periodo.

A noi questa distinzione sembra sempre più labile, perché per essere visibili online in modo stabile ci vogliono tempo e costanza, sempre e comunque.    

Aumentare la visibilità su Facebook, Instagram e gli altri social media

Il profilo aziendale sui social è già di per sé uno spazio da dedicare all’aumento di visibilità. 

Qui, però, il nodo fondamentale è: abbiamo un pubblico che ci ascolta, ci ama, ci segue ovunque lo portiamo? Abbiamo fan che possiamo trasformare in clienti?  

Se la risposta è no, allora possiamo dire di essere presenti, ma non visibili. Per renderci visibili dobbiamo sviluppare una strategia che preveda almeno:

  • la definizione degli obiettivi a cui vogliamo arrivare, e i parametri per misurarli;
  • lo studio del nostro target di riferimento (a chi ci stiamo rivolgendo);
  • l’analisi della concorrenza
  • la preparazione di un piano editoriale in cui è chiaro cosa vogliamo pubblicare e perché 
  • la strategia promozionale (non si può pensare di essere visibili sui social senza investire in pubblicità)

Pubblicità a pagamento su Google

Le campagne tramite Google Ads servono per intercettare la ricerca consapevole

“Su Google le persone cercano cosa fare, dove andare e cosa comprare. Il tuo annuncio può essere pubblicato su Google proprio nel momento in cui qualcuno cerca un prodotto o servizio simile a quelli che offri.

Un annuncio al momento giusto può convertire gli utenti in clienti sia quando si connettono da un computer desktop sia quando utilizzano un dispositivo mobile.”

https://ads.google.com

I principali obiettivi di visibilità che si possono raggiungere tramite Google Ads.

Anche in questo caso a monte ci vuole: 

  • la definizione degli obiettivi a cui vogliamo arrivare, e i parametri per misurarli;
  • lo studio del nostro target di riferimento (a chi ci stiamo rivolgendo);
  • l’analisi della concorrenza;
  • lo studio delle parole chiave da assegnare agli annunci.

Campagne di Email Marketing

Le DEM3 sono uno strumento prezioso per l’aumento della visibilità di un’azienda, perché consentono di: 

  • utilizzare gli automatismi per programmare l’invio di offerte e comunicazioni;
  • dividere in liste l’audience, e quindi diversificare i percorsi che portano l’utente a conoscerci ed entrare in contatto con noi;
  • misurare, ovvero sapere quante persone aprono, leggono, cliccano i nostri contenuti.

Avere degli iscritti al nostro canale mail ci permette di avere un pubblico da educare, nutrire, affascinare, dirottare verso altri canali di comunicazione online (social, blog, sito web). L’aumento di visibilità moltiplica le occasioni in cui gli utenti entrano in contatto con i nostri prodotti/servizi, e quindi le nostre possibilità di vendita.

L’avvio e la cura di un blog aziendale

Il blog è lo spazio in cui il vostro business prende parola e costruisce il suo mondo

È il luogo in cui trasmette il suo valore, il suo messaggio, dice cose importanti. 

È un tempio in cui un’azienda custodisce e fa crescere la sua personalità, facendola entrare nella vita delle persone. 

Anche qui si ripropongono gli stessi passaggi obbligati:

  • la definizione degli obiettivi a cui vogliamo arrivare, e i parametri per misurarli;
  • lo studio del nostro target di riferimento (a chi ci stiamo rivolgendo);
  • l’analisi della concorrenza;
  • la preparazione di un piano editoriale in cui è chiaro cosa vogliamo pubblicare e perché; 
  • lo studio delle parole chiave da associare a ciascun articolo, in modo da essere reperiti da Google;
  • la strategia di condivisione sugli altri canali di comunicazione. 

L’ottimizzazione sui motori di ricerca

“La SEO è importante perché permette di far spiccare un’azienda in una determinata nicchia di mercato online, utilizzando con ingegno il linguaggio adottato dai motori di ricerca.

Il che si traduce nel programmare tutte le azioni che portano ad essere primi sui motori di ricerca – espressione da prendere con le pinze.

La SEO è importante se funziona.

E per funzionare deve combattere (e vincere) le battaglie che possono essere vinte, andando a riempire tutti gli spazi in cui la concorrenza è scoperta. Ricordiamo ancora una volta che il posizionamento si ottiene in relazione alle intenzioni di ricerca dell’uomo, che di certo non ragiona per parole chiave.”

https://www.bfenterprise.fun/perche-e-utile-investire-nella-seo/ 

Ti consigliamo anche un altro articolo, per farti capire quanto è importante per noi la SEO, e come la facciamo

Essere presenti non significa essere visibili online

Così come non basta avere un negozio perché entrino i clienti, allo stesso modo non basta avere un sito web o una pagina Facebook perché ci sia qualcuno che ascolti quello che abbiamo da dire, proporre, vendere. 

Questo è il caposaldo che consegniamo alle vostre riflessioni post lettura. 

Volete approfondire l’argomento insieme a noi? Ci trovate qui!

  1. Intesa come assenza di una logica lineare.
    Esempio: una persona cerca qualcosa su Google, poi finisce su Facebook. Da Facebook passa a visitare un e-commerce, riempie il carrello, lo abbandona e lo riprende l’indomani.
  2. Sinonimo: Direct E-mail Marketing, abbreviato DEM.
  3. Piccola precisazione: le DEM si differenziano dalla newsletter perché le prime sono destinate alla vendita di qualcosa, mentre le seconde contengono news e contenuti (apparentemente) disinteressati.

ARTICOLI

SUCCESSIVI

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto e accetto i termini della informativa sulla privacy e acconsento il trattamento dei dati


CI PUOI SEGUIRE SU